Guadagnare dalla vendita degli oggetti usati

Ti voglio far riflettere, prenditi del tempo per rispondere a questa semplice domanda:

Quanti e quali oggetti e vestiti hai in casa o in cantina che non usi da almeno un mese o che addirittura hai comprato e mai usato?

Se la tue risposte sono del tipo:  Caxxo quanti ne ho… ma perché  l’ho comprato… ma a che mi serve..  bé continua a leggere questo articolo ho qualche consiglio che ti può essere utile per farti guadagnare vendendo oggetti usati.

Ricordati che quello che per te non ha valore per qualcun’altro potrebbe essere un tesoro!!

Se finalmente hai deciso di liberarti dei tuoi oggetti prima di di gettarli nella spazzatura rifletti se possono essere utili a qualcun altro, valuta quindi se donarli magari a chi ne può aver effettivamente bisogno e che ahimè non se la passa bene economicamente, oppure valuta se barattarli con altri oggetti.

Se invece Vuoi realizzare un guadagno vendendo i tuoi oggetti, ti darò dei consigli su come trarre il massimo profitto dalle tue vendite.

Diciamoci la verità …starai pensando,  che ci vuole a vendere qualcosa.. certo è facile.. per vendere  basta mettere un’annuncio su internet..andare in qualche mercatino e aspettare..e bla bla bla.. 

Ma sei sicuro che riuscirai a trarre il massimo guadagno dalla tua vendita nel minor tempo possibile ?  

Io stesso ho usato la metodologia e i consigli che sto per darti per avviare Info Digitale;

Come scegliere gli articoli da vendere

Il primo step è quello di individuare gli articoli da vendere , a volte non è semplice, magari ci sei affezionato, sono dei ricordi..  ; se sei in difficoltà poniti questa semplice domanda:

da quanto tempo non lo uso ? se è più di un mese forse non ti è cosi utile !!! ma ad altri magari si, Vendilo.

  • Bada bene però a non liberarti di qualcosa che in seguito ti potrebbe essere utile e che dovresti ricomprare!! (cazzo ho venduto il trapano… e adesso come faccio…)
  • Escludi gli oggetti rotti e non funzionanti, questi vanno buttati o riciclati !!
    • Non Vendere oggetti non funzionanti o rotti, Non Si Fa, si chiama Truffa.

Ps: Rotto o non funzionante non vuol dire Vecchio (meglio dire Vintage che va di moda) o usurato.

Cosa si può vendere ?

La risposta è Tutto !! tutto si può vendere. Devi individuare solo il giusto canale e i potenziali compratori.

A titolo di esempio ti riporto alcuni articoli che potrai vendere con facilità e qualche suggerimento:

  • Libri e riviste (Romanzi, narrativa, per bambini, scolastici, di ricette, ecc)
  • Fumetti: occhio però prima di vendere i fumetti assicurati del valore che potrebbe avere!!! potresti avere un tesoro nelle mani che può far gola ai collezionisti
  • Bottiglie di Vino d’annata : vale lo stesso discorso per i fumetti, un buon vino d’annata potrebbe vale centinaia di euro e fai attenzione non osare spolverare, lavare la bottiglia, strappare l’etichetta, aprire la bottiglia, ne faresti abbassare o annullare il valore.
  • Prodotti tecnologici: telefonini, computer, stampanti, anche per questi articoli bisogna valutarne il valore, i primi modelli di smartphone valgono oro !!!
  • Elettrodomestici, Mobili…
  • Sorprese dell’uovo Kinder … hai capito bene fanno gola ai collezionisti.
  • ……  l’elenco sarebbe infinito….

e come già detto tutto ha un valore per qualcuno, tutto è vendibile, bisogna solo capire a chi e come venderlo e a che prezzo.

Quindi datti una mossa, hai Voglia di fare un po di soldi extra ? continua a leggere.

Step Operativi – Cosa fare per vendere con metodo 

Prendi carta e penna oppure fai un foglio Excel e fai la seguente tabella.

OggettoCategoriaStatoPrezzo MediatoValore Usato

  1. Riporta il nome di ogni articolo che vuoi vendere nella colonna oggetto (un’oggetto per ogni riga)
  2. Per ogni oggetto riporta:
    • la quantità (es.: 1, 2, 5 ..)
    • la categoria di appartenenza (es.: Libri, Fumetti, Vino, tecnologia, Musica, casalinghi, mobili, bigiotteria, abbigliamento, ecc. )
    •  lo stato, (es: Nuovo, Ottime condizioni, Usurato, ecc.
      • N.B: per Nuovo si intende che l’oggetto non è mai stato usato, ha ad esempio l’etichetta, è ancora confezionato…

Bene adesso abbiamo la lista degli articoli che vogliamo vendere, ma a che prezzo li possiamo vendere? come si fa ad attribuire il valore ad un oggetto usato ?

A che prezzo posso vendere il mio oggetto usato.

Per determinare il prezzo di vendita (ma anche di acquisto) di un oggetto usato, bisogna prima di tutto valutare:

  • L’età dell’oggetto, più è “antico” e in buon stato di conservazione più potrebbe avere valore soprattutto per un collezionista; Tuttavia se il tuo oggetto è ancora in circolazione e non molto raro il suo valore potrebbe essere poco elevato o addirittura nullo.  
  • La rarità dell’oggetto, più un oggetto è difficile da trovare in circolazione più il suo valore aumenta, pensa ad esempio ad articoli che sono stati prodotti in edizione limitata, o “antichi”, se tu ne possiedi allora sei fortunato, ci potrebbe essere qualcuno che farebbe pazzie per averlo; se non ce l’hanno in molti, lo vorranno in tanti.
  • Stato della produzione, se l’articolo non è più in produzione nel mercato sarà difficile trovarlo nuovo, quindi in questo caso il valore dell’oggetto usato può aumentare notevolmente.
  • La marca, se l’oggetto ha una marca / brand rinomato (in alcuni casi sinonimo di alta qualità) più alto sarà il suo valore; Inoltre l’oggetto sarà molto appetibile ad un collezionista se l’azienda che produceva quella determinato oggetto non esiste più.
  • I Difetti di fabbrica, se l’oggetto è di marca o ha un brand famoso, il suo difetto di fabbrica lo può rendere particolare e raro.
  • La storia, potresti avere tra le mani qualcosa di unico, che per esempio è appartenuto a qualcuno di importante, che è stato coinvolto in un evento famoso/storico magari anche documentato in programmi televisivi; tutto questo rende il tuo oggetto veramente speciale che potrà farti fare guadagni interessanti, a patto che tu abbia la documentazione opportuna che attesti la storicità del tuo oggetto.
  • Restauri: I restauri generalmente fanno perdere di valore gli oggetti in special modo se sono stati fatti con pezzi non originali e da Non professionisti; L’oggetto dovrebbe essere nelle sue condizioni originali per avere il massimo del suo valore (ovviamente in funzione del suo stato di conservazione) 
  • Lo stato di conservazione dell’oggetto, più è buono (pari al nuovo, senza usura, graffi, ecc) più alto sarà il suo valore.
  • Documentazione e imballaggio: la documentazione (libretto d’uso e manutenzione ad esempio, certificazioni di validità, di proprietà, ecc) e le scatole originali a corredo dell’oggetto sono un plus da non sottovalutare che possono contribuire notevolmente ad aumentare il valore dell’oggetto stesso.

Quanto ti ho appena descritto ti fa capire che non è sempre facile attribuire il giusto valore a determinati oggetti, tranne se tu non sei un esperto del settore (ma se fosse stato cosi, sicuramente non avresti perso del tempo per leggere questo articolo). Voglio semplicemente farti capire che in alcuni casi non bisogna aver fretta di vendere se non si è sicuri di cosa si ha per le mani; te ne potresti pentire.

Se hai il minimo dubbio che il tuo oggetto possa essere appetibile ad un collezionista e che abbia le caratteristiche su citate, fermati un’attimo e prenditi il tempo necessario per fare delle ricerche approfondite, usa internet per cercare il tuo articolo, se non trovi nulla di simile non scoraggiarti può essere un fattore molto positivo, magari il tuo oggetto è unico, oppure chi c’è l’ha se lo tiene stretto e ciò significa che il tuo oggetto può valere molto.

Cerca siti specializzati, forum, esistono anche gruppi su facebook dove puoi trovare gente competente che ti può dare una valutazione e dei consigli.

Un sito che mi sento di consigliarti in cui potresti verificare il valore del tuo oggetto (non esiste solo e-bay) e poi eventualmente metterlo all’asta è catawiki, specializzato in aste di compra-vendita di oggetti da collezione.

Attribuzione del prezzo di un oggetto usato standard e ancora in produzione

Per gli oggetti standard, commerciali e ancora in produzione, in linea di massima il valore di un oggetto usato, in funzione del suo stato di conservazione oscilla dal 40% al 80% rispetto al prezzo dello stesso oggetto nuovo.

Ti servirà quindi individuare lo stato di conservazione dell’articolo, di seguito ti riporto dei suggerimenti, ovviamente bisogna sempre tener in mente qual’è l’oggetto, non sempre sono applicabili come ad esempio agli oggetti da collezione che hanno delle regole particolari a seconda della loro appartenenza, o ai libri, ecc

Stato di conservazioni per articoli standard e ancora in commercio

  1. Nuovo 
    • L’articolo è nuovo, ha l’etichetta, la confezione integra e eventualmente ancora la garanzia (potrebbe essere il classico regalo di natale che volevi riciclare…)
  2. Pari al nuovo
    • L’articolo è stato usato pochissime volte, tenuto in modo maniacale e non ci sono segni di usura e malfunzionamenti
  3. Buono
    • L’articolo è in buon stato, ha piccoli segni dei usura dovuti al suo utilizzo,  che non ne pregiudicano l’utilizzo.
  4. Discreto
    • L’articolo ha dei segni evidenti di utilizzo, che non ne pregiudicano l’utilizzo
  5. Scarso
    • L’articolo ha evidenti segni di usura e del tempo, che potrebbero anche pregiudicarne l’utilizzo
  6. Non funzionante
    • L’articolo non funziona o alcune delle sue funzionalità sono compromesse,  può essere venduto per usarne i pezzi di ricambio    

Adesso ti spiego il metodo per attribuire il giusto e onesto valore di vendita (e di acquisto) agli oggetti di seconda mano.

  1. Fai una ricerca su internet del prodotto che vuoi vendere al fine di individuare il suo prezzo da nuovo, segnati i vari prezzi proposti dai venditori dell’articolo.
  2. Fai la media dei prezzi trovati
    • Se hai trovato 3 venditori che vendono il prodotto, somma i 3 prezzi e dividili per 3.
  3. Riporta il Prezzo Mediato (risultato del passo precedente) nella tua lista degli oggetti, nella colonna “Prezzo Mediato”

Adesso possiamo concentrarci sul valore da dare all’articolo usato, ma facciamo una premessa;

Considera che sul prezzo di un’articolo nuovo è compresa l’ iva che è del 22% dobbiamo quindi scorporarla dal prezzo mediato dell’oggetto nuovo (che abbiamo riportato nella tabella nella colonna Valore nuovo), utilizza a tal fine la seguente formula:

Prezzo Mediato senza IVA = Prezzo Mediato / 1.22

Es.:se il Prezzo Mediato dell’articolo nuovo è 100 Euro , il Prezzo Mediato senza I.V.A sarà:100/1.22 = 82 Euro circa

Per calcolare il prezzo all’oggetto che vuoi vendere in funzione dello stato di conservazione dell’oggetto e di quanto vuoi guadagnare puoi usare due metodi:

  1. Attribuire uno sconto al prezzo mediato con I.V.A scorporata.
  2. Attribuire uno sconto al prezzo mediato.

Di seguito ti riporto lo sconto che puoi attribuire ad un oggetto usato rispetto al prezzo mediato dell’articolo nuovo, in quanto nelle percentuali che ti indicherò ho già scorporato l’iva.

  • Oggetto Nuovo : applica uno sconto che può oscillare tra il 25% e il 30%
    • se l’oggetto nuovo ad esempio costa 100 Euro puoi venderlo tra i 75 e 70 Euro.
  • Oggetto Pari al Nuovo: applica uno sconto che può oscillare tra il 30% e il 35%
    • se l’oggetto nuovo ad esempio costa 100 Euro puoi venderlo tra i 70 e 65 Euro.
  • Oggetto Buono: applica uno sconto che può oscillare tra il 35% e il 45%
    • se l’oggetto nuovo ad esempio costa 100 Euro puoi venderlo tra i 65 e 55 Euro.
  • Oggetto Discreto: applica uno sconto che può oscillare tra il 45% e il 60%
    • se l’oggetto nuovo ad esempio costa 100 Euro puoi venderlo tra i 55 e 40 Euro.
  • Oggetto Scarso: applica uno sconto che può oscillare tra il 60% e il 75%
    • se l’oggetto nuovo ad esempio costa 100 Euro puoi venderlo tra i 40 e 25 Euro.
  • Oggetto Non funzionante: applica uno sconto che può oscillare tra il 75% e il 90%
    • se l’oggetto nuovo ad esempio costa 100 Euro puoi venderlo tra i 25 e 10 Euro.

Ti consiglio di partire sempre di partire dalla percentuale di sconto più bassa e man mano che passa il tempo e non ottieni risultati di vendita abbassa via via il prezzo aumentando la percentuale di sconto. Considera inoltre che chi acquista sovente ti chiederà uno sconto sul prezzo di vendita.

Dove e come vendere gli articoli usati

Esistono vari canali e piattaforme sulle quali puoi vendere i tuoi oggetti, dipende dalla tipologia degli stessi, dalla fretta che hai di venderli e da quanto vuoi ricavarci. 

Puoi pubblicare i tuoi annunci online (su siti di compra vendita generici o su siti dedicati ) o su riviste di settore, piuttosto che mettere annunci cartacei in bacheche (per esempio nel tuo luogo di lavoro, università, scuola, ecc).

Ti sconsiglio di portare i tuoi oggetti nei mercatini dell’usato, non otterrai il massimo guadagno (prendono una grossa percentuale sulla vendita anche superiore al 50%) e spesso purtroppo trovi gente incompetente che non sa dare il giusto valore al tuo articolo; (per lo stesso motivo a volte conviene comprare nei mercatini dell’usato). Valuta il mercatino solo se ti vuoi liberare dell’oggetto da casa o dalla cantina o se non vuoi sbattimenti per seguire la vendita (a questo punto ..perchè hai letto questo articolo ?) 

Siamo nell’era digitale e puoi tranquillamente pensare tu stesso a pubblicare gli annunci su internet, dove ? nelle piattaforme più conosciute, quali ? .. Ti faccio un elenco dei siti dove pubblicare i tuoi annunci e comunque ti suggerisco caldamente di pubblicare il tuo annuncio su più piattaforme e siti.

Siti di annunci di Compra – Vendita 

Il primo che ti metto nella lista è:

  • Facebook

Facebook ti da grandissime opportunità per vendere / acquistare articoli usati, forse non sai che esiste il Marketplace di facebook accessibile sia da PC che da Applicazione su smartphone, che è completamente dedicato alla compra-vendita di articoli nuovi e usati e alla pubblicazione di annunci.

Utilizza i tantissimi gruppi di compra vendita sia nazionali che della tua città, ti basterà cercarli nella barra di ricerca di facebook, iscriverti al gruppo e pubblicare il tuo annuncio.

Altrimenti la cosa più semplice da fare è quella di pubblicare il tuo annuncio sulla tua bacheca, in modo che possa essere visto e condiviso dai tuoi amici.

Puoi inoltre ovviamente utilizzare facebook per pubblicizzare e condivide gli annunci che hai inserito su altri siti.

   

I siti che ti ho elencato ti permettono di inserire gli annunci gratuitamente, ti offrono anche la possibilità di incrementare la visibilità del tuo annuncio dietro un pagamento, valuta se ne vale la pena questa opportunità.

Siti di Compra Vendita con il metodo dell’asta

Se vuoi vendere i tuoi articoli con il metodo dell’asta che ti consiglio per oggetti particolari, non standard o da collezione (ricorda sempre di impostare una base d’asta o un prezzo di riserva) ti consiglio di dare uno sguardo (oltre che a e-bay ) al sito Catawiki.

Catawiki

Come fare gli annunci di vendita

La parte più importante è creare il tuo annuncio, più l’annuncio è di buona qualità più alte saranno le possibilità di vendere il tuo oggetto. Segui questi consigli:

  • Dai un titolo sintetico al tuo annuncio che indichi chiaramente cosa stati proponendo, nel titolo inserisci il nome del tuo oggetto, qualcuno lo sta cercando fallo trovare!!
  • Inserisci varie immagini di qualità del tuo oggetto, non prenderle da internet ma fotografa il tuo articolo, le immagini sono importantissime. Fotografa il tuo oggetto da varie prospettive, fotografa i particolari, le etichette, la marca, gli eventuali segni d’usura e le imperfezioni (si sincero non nasconderli)
  • Descrivi il tuo oggetto, la descrizione dell’oggetto è tanto importante quanto l’inserimento delle immagini. La descrizione deve essere chiara, utilizza la punteggiatura e non fare errori grammaticali. Descrivi con accuratezza il tuo oggetto, esaltandone le qualità e il suo utilizzo, riporta se necessario i dati tecnici. Non mentire, si sincero e descrivi il suo stato di conservazione, dichiara se ci sono segni d’usura, imperfezioni o malfunzionamenti. Nel caso in cui tu sia disposto a spedirlo indica chiaramente se le spese di spedizione sono a carico di chi compra e in questo caso riportale o se sono comprese nel prezzo di vendita. Indica chiaramente i metodi di pagamento che accetti.
  • Riporta il Prezzo: Inserisci un prezzo di vendita congruo, ti ho già dato dei consigli su come calcolarlo. Non mettere un prezzo troppo basso (se sai che la media di vendita è più alta), un prezzo troppo basso rispetto alla media di mercato può essere visto come una fregatura o truffa. Ricorda sei sempre in tempo ad abbassare il prezzo e probabilmente dovrai contrattare con l’acquirente.
  • Fatti rintracciare: utilizza un’e-mail che controlli spesso e valuta se lasciare il numero di telefono (se la piattaforma te lo permette). Devi essere sempre pronto e disponibile a rispondere ad eventuali domande dell’acquirente e a concludere l’affare.

Come mi faccio pagare

Il consiglio che ti posso dare è quello di proporre più metodi di pagamento e di utilizzare dei metodi tracciati, cosi facendo farai capire che non hai intenzione di truffare nessuno.

Non spedire mai la merce prima di ricevere il pagamento.

Se prevedi la consegna a mano puoi accettare i contanti, in questo caso incontra l’acquirente se ti è possibile in luogo pubblico (non sai chi stai per incontrare) se proprio devi dare appuntamento a casa cerca di non essere solo/a. Se consegni a mano il tuo articolo fallo provare all’acquirente in modo che non possa accusarti di aver venduto un articolo non funzionante.

Fra i vari metodi di pagamento che puoi proporre ti suggerisco:

  • Paypal 
  • pagamento tramite bonifico o ricarica di una carta prepagata tracciabile

Se non hai un conto o una carta prepagata dove poter ricevere denaro ti suggerisco due conti completamente gratis, che ti danno la possibilità di ricevere e inviare denaro gratuitamente; YAP e HYPE

YAP: Troverai un approfondimento su YAP qui

HYPE: Troverai un approfondimento su HYPE qui

Bene a questo punto …Ti auguro buone vendite e Buon Guadagno.

Fammi sapere nei commenti se hai apprezzato l’articolo e se hai altri suggerimenti.